Terra di nessuno; 7 – Opossum Morto

Il dottore, che voleva vederci chiaro nonostante la paura di impantanarsi, andò da Opossum Morto: sapevano tutti che l’indiano conosceva ogni dettaglio della storia, o perlomeno certi dettagli per pochi eletti. La particolarità di Opossum Morto era che molti non gli parlavano per paura, altri per orgoglio e altri ancora per razzismo, perché era un pellerossa: lo sceriffo era fra questi ultimi, e per un pregiudizio non seppe mai quello che venne a conoscere Quinine, che invece gli era caro amico come Pat e come tanti altri, e parlava con l’indiano molto spesso.

In ogni modo, il dottore chiese a Opossum Morto se quel giorno, il giorno del duello, avesse visto qualcosa di sospetto. L’indiano guardò fisso davanti a sé, ovvero come faceva sempre quando gli parlavano, poi mosse la bocca e tutte le rughe e le piume del suo viso cominciarono come a ballare. Disse:

-Pat Trigger controllò la pistola del suo rivale, contò ogni pallottola. Poi gliela diede. Mentre facevano i dieci passi, il tizio che uccise Pat inserì un’altra pallottola. Il resto lo sanno tutti.

Il dottore, che non era stupido come lo sceriffo, capì che c’era sotto qualcosa; e, siccome ciò che aveva detto l’indiano era a prova di stupido, pensò bene che anche lo sceriffo avrebbe realizzato che dietro a tutto c’era del losco: Hyppo Quinine sapeva che John Wood non avrebbe mai parlato con l’indiano, per cui avrebbe dovuto fare da ponte, anche perché l’indiano non avrebbe mai detto a nessuno niente, come suo solito, e la verità bisognava andarsela a cercare, e insomma il dottore pensò che ormai era solo compito suo, solo lui avrebbe potuto far andare avanti le indagini con passi mostruosi.

Prima di andare dallo sceriffo, però, pensò di raggiungere Lucinda Ley. Ora, il dottore non era stupido, però era piuttosto morboso circa certe cose, e queste certe cose erano il suo membro e l’affetto sessuale smodato che provava per Lucinda. In pratica, per dirla in modo semplice, avrebbe preferito di gran lunga scopare prima la Sciantosa e poi avvertire lo sceriffo, che il contrario: in ogni modo non andò da Lucinda per scopare, anzi, ma per capire: perché oltre a volersela scopare, la morbosità era voler essere l’unico ad avere un certo tipo di rapporto con lei, un rapporto che lei non voleva avere con lui, e questo il dottore lo accettava, del resto sapeva di Pat, però, per una questione forse di soddisfazione personale ed egoismo, fu da Lucinda che il dottore andò subito.

 

Il bordello era pieno di mandriani e contadini. Il dottore raggiunse la stanza di Lucinda proprio mentre il signor Rufus, della fattoria fuori città, stava uscendo. Il dottore si tolse il cappello in saluto, e il signor Rufus disse:

-Mi saluti la sua signora.

-Certamente, e lei faccia altrettanto.

-Sicuro.

Il dottore entrò.

Lucinda era nuda, stesa nel divano, fumava una sigaretta: appena vide Hyppo Quinine capì che qualcosa non andava. Il dottore capì che lei aveva capito e disse:

-Cos’hai fatto al povero Pat?

-Non ti deve interessare!- lo aggredì lei –Sei sempre stato geloso perché io lo amavo e non amavo te! Dovresti essere contento, no?! Ora sparisci, e stai zitto, e nel nome della nostra amicizia e di quello che fai con me guai a te se parli! Tua moglie resterebbe molto male se tu parlassi.

Il dottore restò un po’ fermo, poi uscì scusandosi.

Non tornò mai più da Lucinda Ley detta la Sciantosa.

 

Mentre camminava verso casa, Quinine pensò che se avesse avvertito lo sceriffo prima di andare da Lucinda forse tutto quello non sarebbe accaduto. Era vero però che lui non sarebbe mai andato prima dallo sceriffo, lo sapeva bene, ma era anche ovvio che poteva andarci ora, sì, e risolverla: Lucinda forse sarebbe finita in galera, perché qualcosa di losco certo aveva combinato, e Opossum Morto gliene aveva dato la prova, in effetti; però Lucinda non sarebbe stata giustiziata, questo sì, e anche se giustizia fosse stata fatta lui sarebbe stato comunque nei guai con la moglie.

Meglio stare zitti e andare ad ubriacarsi.

Annunci
Terra di nessuno; 7 – Opossum Morto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...